lunedì 27 agosto 2018

Rewind


Sopravvissuto,
sopravvissuto a tutti
Oh quanto freddo!
(Issa 1763-1828)

Quanto sarebbe bello un tasto rewind per andare indietro con le vite delle persone! Poterci cliccare su e seguire passo passo, a ritroso, chi ho davanti.
E, cliccando cliccando, vedere da dove vieni, perché sei scappato, dove ti trovavi, chi erano i tuoi familiari, i tuoi amici, il tuo paese, la tua terra. E vedere cosa ti hanno fatto per farti arrivare in un posto sconosciuto, per farti salire su un barcone, per obbligarti a lasciare l'abbraccio dei tuoi e per farti dimenticare sapori, odori, abitudini. 
Vedere come ci sei arrivato dentro quella tuta da benzinaio che ti sta larga, dentro quelle scarpe che consumi sui nostri marciapiedi per vendere degli affaretti inutili. Sopravvissuto a tutti, che cosa mai hanno sopportato le tue pupille che cercano le nostre ora con aria supplicante o torva, rassegnata o spersa!
E che cosa amavano guardare per sognare.

(sopravvivere)


2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ripenso al bellissimo film "Central do Brasil"
Le ultime parole della donna scritte su una lettera,
"Ho nostalgia di tutto"- tutto infine mi e' stato caro.
Annunziata

Silvia legge ha detto...

Il ministro della paura ( non quello di Albanese) , il nostro nerboruto uomo forte al governo, prosegue la sua instancabile marcia come un pifferaio baldanzoso ... noi che non seguiamo la sua musica dove ci incontreremo?