martedì 7 marzo 2017

Renzi Renzi Renzi Renzi


Quali radici si afferrano, quali rami crescono
su queste rovine di pietra? Figlio dell’uomo
tu non lo puoi dire, né immaginare
perché conosci soltanto
un cumulo di immagini rotte, là dove batte il sole (...)
(da "La terra desolata" di T.S. Eliot)


La poesia come via di fuga dalla realtà. Chi può capirmi più di T.S. Eliot che scriveva per non impazzire?

Giochino. Accendi la tv. Quale sarà la prima parola che sentirai? E' la parola "Renzi".
E l'ultima, che rimarrà a galleggiare nel tuo salotto silenzioso, nonostante il  click notturno e liberatorio del telecomando, prima di trascinarti a letto? Sempre quella: "Renzi".
Ora. Ma non l'abbiamo esaurito l'argomento? 
Tu, micro particella di un partito in frantumi, che ti sei guadagnato su queste rovine di pietra il tuo spicchietto di sole, che hai ottenuto da quella corrente dei controcorrente sempre e comunque, una bella sfilza di bei partitini tutti molto sinistrini, perché non dici, una volta almeno, quello che farai, come governerai? Tutti, tutti parlate della stessa cosa, tu e quello con lo stemmetto sulla felpa, quello che sta sempre dalla parte di chi si fa il mazzo e i migranti devono stare a casa loro o quello che deride e cambia idea e caccia tutti tranne lui che pure lui si doveva ritirare, ma no poi ci ha ripensato, e lavora con il figlio di e pensa all' euro. Non vi vedete che state dalla stessa parte a dire la stessa unica parola? E pure tu, giornalista-sempre-ospite, dalla Gruber, da Mentana,  dalla Berlinguer e da quelli che non mi ricordo mai come si chiamano, perché ci dai sempre la stessa notizia? E mi fai pure la faccia di quello che ci sta per dire una cosa nuova e invece no, è sempre "Renzi" e rimesti, e sezioni, e ne parli, e poi ancora e ancora... 
E abbiamo capito! 
Non mi preoccupo mica per lui, eh? Sia chiaro. Al contrario, penso che sia fatto d'acciaio. Un panzer (a me, al suo posto, solo tra referendum e il padre Tiziano, mi sarebbe venuta l'osteoporosi pure agli occhiali) ma, mi chiedo, che senso ha tutto questo parlare di Renzi come se impersonasse, da solo, tutto il male dell'Italia, ora finalmente vinto? 
Bene, se ce l'abbiamo fatta, come dici proprio tu, cambiamo argomento. Ne hai?

(seggio elettorale)
  





Nessun commento: