lunedì 15 dicembre 2014

Germoglio

Spuntano i germogli
al tronco d'un grande albero
poggio l'orecchio
(Hosai 1885-1927)





Tareke Brhane, rifugiato residente in Italia e arrivato qui dall'Eritrea via mare, è stato premiato con un'onorificenza insignitagli dal Comitato del Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace - immagino il comitato delle persone migliori che esistono al mondo - nella cui motivazione si legge testualmente: 

“per essersi dedicato ad attività di sensibilizzazione sul tema dei rifugiati in Italia e per aver fondato il Comitato 3 Ottobre, con lo scopo di preservare la memoria di tutte le persone morte in mare nel tentativo di fuggire da guerra e persecuzioni e di tutti coloro che, anche a rischio della propria vita, salvano quella degli altri”.

Tareke Brhane ha vissuto quattro anni scappando tra il Sudan e la Libia, ha conosciuto il carcere di Gheddafi, è stato più volte respinto (ascolta QUI l'intervista di Tareke a Fahrenheit- Radio3). Nel 2005 è "approdato" a Lampedusa. 
Da allora aiuta gli altri come mediatore culturale e con i richiedenti asilo. Lavora attivamente per il "Comitato 3 ottobre" per preservare la memoria dei migranti morti in mare e affinchè venga riconosciuta la data del 3 ottobre quale "Giornata della Memoria e dell'Accoglienza" sia a livello nazionale che europeo.
Un albero sta germogliando, poggiamo l'orecchio sul suo tronco.


(contro tutto)























Nessun commento: