martedì 10 gennaio 2017

Società liquida

Nel torrente montano che scorre a valle il giovane Goethe vedeva una giovinezza fresca e impetuosa, che precipitava verso la pianura rendendo feconda la terra. Nella stagione dello Sturm und Drang, dalle speranze pre-rivoluzionarie, il fiume era simbolo del genio, dell'energia vitale e creativa del progresso.
Da "Danubio" di Claudio Magris


Con Zygmunt Bauman la società ci è apparsa per quello che è davvero, e nessuno l'aveva visto prima, ovvero "liquida". 
La lezione del sociologo polacco appena scomparso (clicca QUI) consiste nell'avere individuato la nostra società come innervata da una rete di relazioni essenzialmente connotate da caratteristiche talmente fluide che vanno a scomporsi e a ricomporsi in modo costante ma estremamente vacillante.
La realtà liquida che viviamo, dalle elezioni di Trump in poi, si è connotata anche di un'altra caratteristica: la post-verità. Sembra difatti avere perso totalmente di senso la distinzione tra vero e falso, è il pubblico a decidere (Il prezzo la fate voi!) e smentire non serve a nulla perché è impossibile farlo visto che i media sono talmente, e diabolicamente, liquidi che non lo permettono (vedi il caso Clinton). 
Ci siamo dentro, fino al collo.

Della tesi del sociologo, mi pare che i cinquestelle, noti per rivendicare il diritto di non volerne sapere di politica, di sociologia, di storia o di geografia perchè per governare non servono a niente, hanno preso alla lettera, troppo alla lettera, il marchio acqueo della liquidità facendone elemento di istrionico virtuosismo ogni giorno, e a sorpresa.
Solo così posso spiegarmi questo cambiare repentino di strada come farebbe un torrente, portarsi appresso di tutto (scarti e rifiuti), volersi disperatamente connotare con l'idea di "movimento" che da una parte vuole stare per forza in un'Europa di cui non condividono le istanze e dall'altra liquidare, sì liquidare, la questione migranti.
Con buona pace di Bauman. E del Danubio di Goethe e poi di Magris.
Pluf.
(voglio scendere!)
















Nessun commento: