giovedì 3 novembre 2016

Cocci

I miei pochi spiccioli
per un bastone, adesso -
monte Samizu
(Ryōkan 1758-1831)

Doveva essere alto e impervio, questo monte Samizu, se scoraggiava il ben temprato Ryōkan, il monaco che visse per trent'anni in un eremo minuscolo e autore di poesie di rara trasparenza.

Un bastone qualsiasi a cui appoggiarsi, anche di fortuna come un pezzo di ramo raccolto da terra, non l'ha trovato, il povero pensionato che si è tolto la vita nel paesino terremotato di Montappone nelle Marche (notizia QUI). Ha ceduto allo spavento, forse l'idea di ricominciare tutto da capo con le poche forze rimaste lo sconvolgeva...
Ha preferito sparire, come un coccetto tra le macerie. In frantumi.
Poverino.


(Fragilità)

Nessun commento: