martedì 6 settembre 2016

No slot!

Tornata ancora
al bicchiere di sakè
la mosca annega.
(Uejima Onitsura 1660-1738)



È un azzardo, quello della mosca di Onitsura, e lo paga caramente!

Come quello degli umani che buttano via i risparmi nella slot sotto casa, frequentatori disperati di tabaccherie e di bar dall'aria torva che ingoiano pensioni intere. Mai un sorriso, lì dentro, mai un rassicurante "Dottò, il solito?" o un profumino di brioche. Mai, fateci caso.
Cupi luoghi di solitudini, illuminati con i led delle slot ora sì ora no, con quei banconi imbandierati di ogni tipo di subumano grattevinci. Quelle facce al neon, quel dlin dlin incessante. 
Boicottarli evitando di spenderci anche solo un euro, è stata la mia protesta di questi ultimi anni.
Ma qualcosa cambierà!
Leggi la bella notizia cliccando QUI.


(Slot del cuore)







1 commento:

kalz ha detto...

Tra i miei slot del cuore oltre a quelli delle cicche ci sono i dispenser di figurine cartonate. Mio padre tornando dal lavoro si fermava, metteva 50 lire e mi portava casa qualche figurina. Volevo allegare un'immagine, ma non è possibile, comunque spero che qualcuno se li ricordi ancora.

p.s. Bello questo blog. Scrivere qualche haiku è stata un'ottima forma di ginnastica mentale prima di passare ai miei miniromanzi in 10 parole.

Silvano