mercoledì 4 maggio 2016

"Festa del non-festeggio"

L'altr'anno, quest'anno
qualcosa vi penetra,
somiglia a un'asta
(Hōsai 1885-1927)


Ieri pomeriggio ho avuto una classica brutta notizia per cui ho inventato la  "Festa del non-festeggio". Ho "festeggiato" la brutta notizia che un po' temevo che "finalmente" è arrivata e che aleggiava nell'aria da qualche tempo. Penetrata nei sonni come un'asta sottile, prima pungeva poi addolorava, ma nulla, nulla, nulla di irreparabile!
Era lì, la classica brutta notizia a cui seguirà forse un periodo più o meno complicato. Chissà. Stava lì, nella sua cattiva banalità. E con la sua "riparabilità" potenziale. E siccome lo sarà, sarà riparabile, e siccome sono così, sono proprio così, mi sono fatta un piccolo regalo per la "festa del non festeggio", per la brutta notizia nell'aria e che è arrivata. Ma l'aria ha le nuvole e dietro le nuvole... 



(Ieri)


Nessun commento: