mercoledì 11 maggio 2016

Briciopollo

Come mangiando l'uva
una parola e ancora
un'altra parola.
(Nakamura Kusatao 1901-1983)


Sì, proprio come mangiando uva
Amo la lingua italiana in tutti i suoi riccioli, le sue volute, per le sue spire, i suoi giochi, la sua musica. Amo parole morbide come "giuggiolone", spigolose come "taccuino", pastose come "impegolato", amo la grammatica, le virgole, i punti. Combatto una mia micro battaglia per il punto e virgola, ripulisco da troppe virgolette e parentesi la mia frase, proteggo il congiuntivo e uso anglismi ed emotycons senza complessi. Se ascolto l'italiano di un vecchio accademico in pensione, la precisione dei termini che usa, il periodare netto e calmo che sa di civiltà, di stile, buone maniere e studi solidi, vorrei strofinarmi al suo paletot come un gatto.  

Per capire il mondo degli artifici linguistici, vi consiglio questo geniale volumetto appena uscito da Quodlibet che offre, per ogni figura retorica presa in esame, una spiegazione e un disegno deliziosi. Fulminanti, e quasi sempre impossibili da ricordare, con il loro spettacolino pirotecnico ci indicano le porte d'accesso per la linguistica, la logica, la psicoanalisi e la critica letteraria.
Cecilia Campironi spiega in modo conciso e chiaro il significato di ossimoro, sineddoche, parafrasi, metafora, enfasi e aggiunge una disegnino che impersoni ogni figura retorica nelle proprie specifiche caratteristiche.
La mia preferita? Chi mi conosce lo sa già: il "neologismo" che vedo qui rappresentato, per la sua allegra novità, come un colorato pupazzetto appena uscito da un guscio.

Ve lo dice un "briciopollo". Leggo per voi il significato di "briciopollo" che traggo dal mio infinito vocabolario di neologismi che negli anni ho inflitto a familiari, amici e colleghi:
[Bricipollo. Persona o stato d'animo tra il polletto e la briciola. Ha un candore che lo rende simpatico e irrinunciabile nella sua "bricipollaggine". Il momento briciopollo può capitare a tutti, per me, anche a Obama, per dire. A Fahrenheit è ormai gergo redazionale. Vedi: "ospite briciopollo"]

Eccomi qui: molto briciopolla quando mi strofino a vecchi cappotti un po' stazzonati!
Una lettura utile che consiglio.

(per briciopolli e non solo)


1 commento:

giraviti ha detto...

Che splendido post... oggi mi ha colpito più del solito. Condivido l'amore per la nostra bellissima lingua e per la sua punteggiatura e proprio ieri, a 50 anni suonati da un po', mi sono fatta un tatuaggio a forma di... punto e virgola =)