giovedì 10 settembre 2015

Petali

Oltre la barriera camminiamo 
coperti di petali bianchi 
abito nuovo 
(Bashō 1644-1694)




Me a noi ci piace! Lo vogliamo capire che a noi italiani ci piace???
Alla faccia di Bashō siamo capaci di camminare oltre tutte le barriere etiche e morali, siamo fichissimi! Con i mezzi più efficaci riusciamo a trasformare, nell'opinione pubblica, gli esempi umani peggiori in vicini di pianerottolo. Non proprio proprio proprio amici, ok, ma vicini di casa sì, di quelli magari con qualche difettuccio, di quelli con qualche scheletro nell'armadio. Di quelli che "alla fine mi sta simpatico".
E ora tocca ai Casamonica, già pronti senza passare dal trucco per essere i nuovi protagonisti di fiction esportabili e ad alto share, non sentite come suona già bene il loro cognome? Come vi risuoni un made in Italy musicale e che sa di famiglia? E quei petali bianchi non li vedete già scendere dolcemente nella sigla?
Non mi scandalizzo quindi della trasmismissione, della loro intervista. Non mi sorprende di certo.
I protagonisti di Gomorra, dopo il film capolavoro e di grande poesia di Garrone, sono serializzati e glam. Ci entrano tutti a casa, si siedono sui nostri divani, i nostri figli si pettinano come loro e noi proviamo empatia, li troviamo "umani". (Leggi QUI)
Ecco il punto: umanizzare il disumano in vari format. Interviste di un certo tipo, quelle che ammiccano ad esempio, le serie tv che confondono. 
Si sfumano i contorni. Noi vediamo meno. Tutto è meno chiaro e più confuso. Dentro/fuori, vero/falso.
E mentre la luce si abbassa sull'etica, lo share si alza.


(Sipario!)







Nessun commento: