martedì 28 luglio 2015

Nebbia

Nebbia o fumo?
Questo giorno comincia
nascondendo la stazione
(Kaneko Tōta 1919)



Gioco mentalmente a ricordare a casaccio i nomi delle stazioni della metropolitana romana: Cinecittà, Battistini, Tiburtina, Termini, Numidio Quadrato, Re di Roma, Furio Camillo, Lepanto, Ostiense e poi Rebibbia, Eur Magliana... nomi che sanno di scrittori, di imperi, di fiumi, di cinema, di battaglie, di galere. Di archeologia e modernità.
Linea A e Linea B. Il rosso che si confonde con il blu, andare su o andare giù, sinistra, poi girare a destra. Scalini, uscite, suonatori ambulanti. Sbuffi di calore che si alternano a quelli umani, sudore che si mischia agli sfiati. 
Le capitali si misurano sul funzionamento dei trasporti e le nazioni sono rappresentate dalle loro capitali.

Oggi Ignazio Marino annuncerà il nuovo staff che governerà la mia adorata città che recentemente si è "guadagnata" la prima pagina del New York Times. 

Pensiero: mi sembra un uomo solo questo sindaco che paga, sempre da solo, anni di malaffare e degrado. Il suo gradimento? Misurato più con criteri televisivi che sui fatti. Mi sta simpatico? Pollice recto. Mi sta antipatico? Pollice verso. Non è certo un battutaro, Ignazio Marino ma a noi ce piasce scherzà. Sì è onesto, però che pppalle! E pure 'ste pedonalizzazioni...

La cittadinanza romana, intanto, sta svalvolando. C'è chi fa le foto a marciapiedi rotti ricoperti dal pattume e le invia compulsivamente ai quotidiani, chi fa campagne contro il traffico dopo esserla presa, mesi fa, con una panda rossa (clicca QUI). C'è chi propone un pendolare nel cda dell'Atac, chi organizza un "Ramazza day" per pulire la città, chi un sit-in per questo o per quello, chi posta su FB Romasparita e Romacom'è, chi (la maggioranza) pensa di poter fare il sindaco meglio di un chirurgo.  

Nebbia o fumo? 
Fino a quando per l'italiano medio l'idea di controllo sarà sinonimo di gestapo e fino a quando esisteranno persone che per non essere soggette, appunto, al controllo, nel caso specifico un badge, armano questo caos travestendolo da battaglia per i diritti del lavoratore (QUI), mi chiedo, ma dove, dove crediamo di andare? 
Scendo alla prossima.  


(Verso il fondo)








Nessun commento: