lunedì 6 aprile 2015

Pasquetta

Pioggia di primavera
riparato sotto l'ombrello
guardo i libri illustrati della bottega
(Shiki 1867-1902)


Pasquetta. Ma non è una festa tipica della nostra cultura? La penitenza, poi la grande festa, infine questa di oggi. È "-etta", più piccola, forse col senso di rendere più facile riabituarsi a un calendario di grigia normalità.
Una specie di tombolino che ci si aggiudica dopo che la tombola vera e propria se ne è andata a qualcun altro.
Oggi fa freschetto, quando non piove. Ma pozzanghere e nuvole non sgomenteranno mai chi da sempre festeggia la pasquetta con pranzi fuori porta e code nel traffico.
Chi rimane in città si gode la parentesi di una vacanza regalata. Il nostro tombolino prevede niente macchine per strada, aria pulita, un po' di silenzio e un bel pranzo, senza rotture di scatole di varia natura, con gli avanzi di ieri. 



(Roma. Pulcino bagnato)

Un augurio speciale a miei amici aquilani.

Nessun commento: