mercoledì 15 aprile 2015

Happy Pizza

Sera primaverile.
Seguo il profumo
che sta per spegnersi
(Yosa Buson 1716-1783)



Non credo che Yosa Buson, il monaco zen amante dei colori anche negli haiku (la sua storia qui), si riferisse al profumo di cibo. Non credo proprio. 

Nel nostro Paese di Marzapane, mentre scuole e piloni crollano come pasta frolla e le strutture dell'Expo sono ancora a terra, orizzontali, come grissini giganti... fermi tutti!
Nessuno tocchi la pizza! (qui)

Arriva in Parlamento il polemicone che vede schierati da una parte McDonald e dall'altra il simbolo vero dell'Italia, quello che da anni si litiga il podio con il mandolino: la pizza.
Il bambino dello spot preferisce l'Happy Meal??? In piazza! Alcuni non tollerano l'affronto al made in Italy, Pecoraro Scanio si palesa a sorpresa e con tutte le intenzioni di "tirare una pizza" al piccoletto, e anche la piattaforma Change.Org, quella delle petizioni on line, viene utilizzata per appoggiare la battaglia al pomodoro. 
Mi collego e annoto: "Inserire il delitto di tortura nel codice penale. Perché la tortura è una pratica medievale" conta 48.523 sostenitori. "La Pizza come patrimonio Unesco" 40.780.
Faccio il conto. Dunque... Sono 7743 i poldosbaffini che al profumino di un McDonald qualsiasi, hanno un certo languorino.
Mi sa che li capisco.  Allora, per me patatine, maxi, e due bustine di ketchup. Grazie. 
E qualcosa per digerire tutto questo.


(E la bellezza dei panni stesi? Dove la mettiamo?)













Nessun commento: