venerdì 27 febbraio 2015

Ascolto le onde

Rumore d'onde 
che vanno e vengono 
così lontano da casa
(Santoka 1882-1940)



Lavoro a Radio3. Sono fortunata. E oggi, cullata dal “rumore d’onde” di Santoka, il mio amatissimo monaco zen, mi vorrei soffermare su onde radio, messa in onda e ascolto di un programma radiofonico. 


Ai miei inizi, quando ero una giovane ultima ruota del carro, mi avevano messo all’ascolto di vecchie bobine. Dovevo richiederle presso la nastroteca, portarle in uno studio (pesavano un po’), posizionarle sulla macchina che ne permettesse anche il montaggio facendo molta attenzione a non spaccare il nastro e, soprattutto, a non perderle lasciandole in giro. Il mio lavoro consisteva nell’ascolto di vecchie trasmissioni e prendere appunti veloci, nulla di più. Dovevo annotarmi il minuto e il secondo precisi del frammento di archivio che serviva per il programma a cui lavoravo allora. Mi sedevo davanti alla macchina, le bobine impilate per terra ai miei piedi, i resti di un panino nella sacca, con il tempo che passava veloce girando su se stesso come quei nastri.
Una volta, siamo alla fine degli anni Ottanta e non ricordo cosa cercavo di preciso né per quale trasmissione lavorassi, mi capitò, nella pila delle bobine, anche una vecchia intervista a Primo Levi.(...)


Nota
Questo pezzetto lo trovate anche, e più lungo, sulla rivista on line L'Undici 

(Orecchio)





1 commento:

Anonimo ha detto...

non riesco a non commentare, mi sono commossa nell'intuire qualcosa di più sulla nascita del mito che accompagna le mie giornate:la radio e in particolare radio3.
Sì,è vero,lo sfondo del silenzio, e poi.... la voce, e poi... tu che immagini il volto di chi sta parlando,e poi... anche oggi c'è una seggiola che cigola in un vs studio (talora si sente), e il tintinnio di un braccialetto che aveva una volta una conduttrice mattutina, e quando senti una linea telefonica che cade e anche tu ascoltatore stai un po' in pena per il conduttore, e poi immagini...immagini quanto lavoro sta dietro a ciò che noi sentiamo.
Sì, tu sei fortunata, ma anche noi, all'altro capo dell'onda, siamo fortunati!! fulvia