martedì 6 gennaio 2015

Re Magi

Natale -
là c'è la stalla
con un cavallo dentro
(Saito Sanki 1900-1962)



Pensavate che non esistessero haiku natalizi? Smentisco i pregiudizi con questo di Saito Sanki che racchiude l'atmosfera del Natale occidentale nel rigore, enigmatico e orientale, tipico degli haiku giapponesi.
Con l'Epifania chiudiamo con le feste ma, prima di smontare albero e presepe, prima di finire i dolci della befana, vi racconto questa.


(I Re Magi)

Ogni anno, da quando sono piccola, è una mia tradizione, tutta mia, date le origini anche un po' napoletane, ascoltare qualche battuta di "Natale in casa Cupiello". Un "ti piace o preseppie" ogni anno "per devozzzione", direbbe Eduardo. 
Mi bastano pochi frammenti, non cerco l'intera commedia che so a memoria, solo quel tanto per ricordare e far rivivere persone e personaggi, nonni, zii, "nennilli", "cappotti nocella" e zampognari. Tutti insieme, tutti di famiglia. Una madeleine a forma di sfogliatella, ora che ci rifletto.
Ma quest'anno non era ancora capitato. Non so, non trovavo il tempo, non ho più il dvd, molti (tutti) non ci sono più. Ho perso le occasioni che mi sono venute incontro come quella della recente messa in onda, radiofonica e integrale, proprio su Radio3 o quella realizzata per la tv e trasmessa il 25 dicembre scorso. 
Quest'anno niente Cupiello. Un po' con il retropensiero ci ho fatto caso, lo ammetto. Quest'anno niente Cupiello.
Ma l'altra sera accendo e mi imbatto nelle battute finali del terzo atto di una replica di una replica di una replica. Riconosco attori, caratteristi, comparse. Tempi, facce e fondali, occhiate e caffè "fatto fresco". Su tutto, i "re magi" che impapocchiano i tre regali.

E così, se oggi l'Epifania si porta via feste e malinconie varie, posso ben dire che anche questo "Natale si è presentato come comanda Iddio". Anche nel Dailyhaiku! 
Il massimo. 





Nessun commento: