venerdì 9 gennaio 2015

Colori

Inverno desolato
nel mondo di un solo colore
il suono del vento 
(Chiyo-jo 1701-1775)





Quale migliore occasione della strage di Parigi per soffiare sul fuoco? Il vento della destra xenofoba e razzista soffia forte in Francia e nel resto d'Europa e il suo suono non ha cromatismi. 
Ecco una breve antologia delle dichiarazioni di casa nostra, di quelle casarecce, allarmiste e praticone a cui non mi abituerò mai: Gasparri "Basta barconi! Serve un'offensiva militare decisa!". Salvini "Il nemico è in casa!". Santanchè "Elenco dei politici che hanno il coraggio di prevedere stanziamenti economici e permessi per costruire moschee!". Meloni "L'Europa che rinnega le proprie radici non sa opporsi ai suoi nemici" "Basta il buonismo della sinistra che vieta il presepe".

In nome di un mondo non monocolore, puoi leggere qui di come il Centro culturale islamico d'Italia condanni la strage al Charlie Hebdo e di come Abdellah Redouane, a capo della grande moschea romana, inviti al pluralismo e al rispetto della libertà in favore del dialogo tra culture. 



(Per me un po' di rosso, un pochino di giallo e di ocra. E quel blu cielo in alto. Grazie)












Nessun commento: