lunedì 22 dicembre 2014

Tetro-Natale

Mi tornano in mente
un bambino che gattona
e i dolci di riso avvolti nel bambù.
(Akutagawa 1892-1927)







A proposito di negozi vuoti, "mi tornano in mente" quei Nataloni gaudenti, zuccherosi e profumati come una fetta di panettone. Le luminarie, i regali sotto l'albero, i cori festosi delle casse dei commercianti. E vi ricordate le file? Quelle belle file chilometriche al reparto gastronomia del negozio più opulento della città? Quei trionfi di salmoni, quei tacchini rimpinzati di prugne e castagne, le colature di salse iridescenti su montagnole di tartufi, i cotechini rampanti, bottiglie lucenti e infiocchettate. Vetrine che avrebbero fatto impallidire Arcimboldo. "Magari un pochino di questo?" "Aggiungo un paio d'etti, signora?" "Ma sì, è Natale!". Follie  natalizie. Concentriamoci. Così ce le ricordiamo...

Oggi, invece, dolcetto di riso del grande Akutagawa, colui che Murakami Haruki colloca tra i più importanti scrittori di riferimento nel suo ideale olimpo letterario. Forse il più doloroso e "contemporaneo" poeta di haiku, Akutagawa, amaro e poco consolatorio, dall'immaginario decadente e fortemente sarcastico. 

Va così, questo Natale.

Un po' tetro. Come una canzone degli Abba fuori un ufficio postale romano il 20 dicembre.
Mamma mia!






Se ti va di seguire DAILYHAIKU via mail, puoi iscriverti QUI ! Riceverai automaticamente ogni post senza bisogno di cercarlo in giro nella rete. Comodo, no?













Nessun commento: