martedì 23 dicembre 2014

Messa (nera) di Natale

Un tempio fra i pini
pioggia autunnale
ci passerò la notte
(Santoka 1882-1940)




Eversione nera. Quattordici arresti in tutta Italia smantellano un gruppo terroristico di matrice neofascista che era intenzionato a far saltare treni e stazioni, alcune sedi di Equitalia, prefetture e questure quanto basta. Questi uomini così miti facevano capo a un ex carabiniere di Ascoli, Stefano Manni, intercettato per un anno, che era definito dai vicini di casa come "persona mite e signorile". Viene da chiedersi qualcosa sulle capacità di osservazione dei vicini in genere, investigatori degni di FBI se in ballo c'è qualcuno che ascolta la musica dopo le 20 o cucina il curry ma, se solo condividono il pianerottolo con Hannibal Lechter, tutti diventano molto 'british'. Ma torniamo al fatto. L'associazione che incitava all'odio razziale, si ispirava a un documento denominato "Statuto della Repubblica dell'Italia Unita" e aveva un "luogo di culto" dove raccogliersi in una località della costa abruzzese. 
Non credo per la messa di Natale.



(Tempietto casalingo. Il mio preferito.)









Nessun commento: