lunedì 22 settembre 2014

Croci in mare

Se chiudo gli occhi -
allora mi scaldo 
ad un amore antico
(Hino Sōjō 1901-1956)



Sono state ritrovate lettere d'amore nelle tasche di alcuni migranti morti nel tentativo di raggiungere la costa (leggi notizia). Lettere mai spedite, portate addosso, sigillate nella plastica di un pacchetto di sigarette o in una bottiglietta. Ci raccontano l'unicità irripetibile di quell'uomo, quella speranza, quella storia d'amore, quella donna. 
Parole dolcissime che urlano, nella nostra indifferenza, tutto il dolore del mondo. 

(Roma. Galleria Lorcan O'Neill. Indifferenza e una croce di Richard Long. Foto mia)

Ricordate questi post? QUI  e QUI. A proposito di preghiere laiche, vi ricordo che proprio ieri  in occasione del festival di Radio3 a Matera, gli Area hanno proposto un concerto dedicato ai migranti morti in mare. Si può scaricare e riascoltare.